Jump to the content of the page
Fischer Marketing Team | 24. aprile 2020

Esecuzione corretta della calibrazione

Un misuratore può fornire risultati corretti solo se è stato calibrato in maniera rigorosa. Qui di seguito rispondiamo ad alcune domande sui fattori da considerare durante la calibrazione degli strumenti portatili.

Cosa significa "calibrazione"?

Durante la calibrazione, la lettura dello strumento portatile viene confrontata con le caratteristiche dell'oggetto misurato (di solito uno standard con valori noti). Tra queste proprietà rientra lo spessore dello strato. Se il valore appena misurato devia dal valore noto, occorre regolare il dispositivo. Per tutti gli strumenti portatili Fischer, queste due funzioni sono integrate sotto la voce di menu "Calibrazione".

Come si procede con la calibrazione?

Per la calibrazione si dovrebbero applicare le stesse condizioni applicate durante la misura effettiva. Se si deve misurare lo spessore di un rivestimento, il dispositivo deve essere calibrato su una parte originale non rivestita. Per la calibrazione, utilizzare la stessa posizione sul componente non rivestito che si utilizzerà per la misura del componente rivestito.

Quando occorre eseguire la ricalibrazione?

In generale, gli strumenti dovrebbero essere ricalibrati tutte le volte che cambiano le condizioni di misura. Ad esempio, se la composizione del supporto cambia, o se si passa da una parte piatta a una curva, a seconda del metodo di misura utilizzato potrebbe essere necessario eseguire una ricalibrazione.

Calibrazione rapida o completa?

Sulla maggior parte degli strumenti, è possibile scegliere tra una calibrazione rapida su un singolo punto e una calibrazione completa a più punti. Se i valori che si desidera misurare sono molto vicini la calibrazione rapida solitamente è sufficiente. Ad esempio, se lo spessore del rivestimento varia tra 10 e 15 μm, è sufficiente calibrare il dispositivo con un unico standard da 13 μm. Se la gamma di spessori è maggiore, si consiglia una calibrazione multipunto; i valori target dovrebbero confermare l'intervallo previsto degli spessori di rivestimento.

A colpo d'occhio:

Fattori comuni che possono influenzare i risultati di una misura. Se uno di questi fattori cambia in modo significativo, occorre ricalibrare il dispositivo:

  • Curvatura della superficie di misura
  • Per campioni sottili: spessore del materiale di base
  • Per campioni piccoli: dimensioni del pezzo
  • Rugosità
  • Composizione e magnetizzabilità del substrato o dei materiali di rivestimento
  • Per misurazioni della conducibilità: temperatura
Leave us your comment
By submitting this form, I confirm that I have read and understood the privacy policy.
Jump to the top of the page