Jump to the content of the page

Controllo di qualità per i rivestimenti anodizzati decorativi

Oltre alla loro funzione protettiva, i rivestimenti anodizzati decorativi devono soddisfare determinati requisiti di progettazione: La colorazione esatta gioca un ruolo importante. Ma anche piccole differenze nella lega di alluminio possono influire in modo significativo sulla tonalità finale. Per ottenere una colorazione uniforme ed evitare sprechi di produzione occorre un'accurata revisione delle materie prime durante l'ispezione delle merci in entrata.

Non tutte le leghe di alluminio possono essere anodizzate per scopi decorativi; principalmente vengono utilizzate leghe AL99, AIMg o AlMgSi. Per ottenere i migliori risultati, la qualità anodizzante di queste leghe di alluminio deve essere di elevata purezza. Ma anche in caso di impiego delle stesse leghe, possono verificarsi lievi differenze di composizione da produttore a produttore e da lotto a lotto, che durante il processo di anodizzazione possono causare significative deviazioni di colore .

Per le finiture anodizzate decorative, la tonalità esatta è in realtà un aspetto importante della qualità; discrepanze nella colorazione possono far aumentare i costi di produzione, comportando lunghe rilavorazioni correttive o persino un nuovo ciclo di produzione. Per evitare tali problemi, occorre sapere se si sta effettivamente lavorando con la stessa identica lega di alluminio. Il modo migliore per verificarlo è determinare la conducibilità elettrica della materia prima o dei semilavorati prima del processo di anodizzazione, in quanto questo parametro è sensibile anche a piccole variazioni di composizione.

A titolo esemplificativo sono stati anodizzati a colore insieme quattro fogli di AIMg3 e AlMgSi0.5, e si sono ottenute due diverse tonalità di blu. Come si può notare nella tabella, la conducibilità elettrica dei due materiali di base ha mostrato differenze significative.

Misurazioni della conducibilità su piastre anodizzate a colori dallo stesso processo di anodizzazione che hanno condotto a due diverse tonalità di blu. Le lastre risultate nella variante di colore A erano in AIMg3 mentre quelle con la variante di colore B
Variante di colore A parte 1A parte 2A parte 3A parte 4A
Valore medio [MS / m] 31,33 31,26 31,20 31,27
Deviazione standard [MS / m] 0,01 0,02 0,01 0,01
Numero di misurazioni 10 10 10 10
         
Variante di colore B parte 1B parte 2B parte 3B parte 4B
Valore medio [MS / m] 21,58 21,57 21,57 21,59
Deviazione standard [MS / m] 0,01 0,01 0,01 0,01
Numero di misurazioni 10 10 10 10

La conducibilità delle piastre è stata misurata con SIGMASCOPE® SMP350 e la sonda FS40, entrambi di FISCHER. Utilizzando il metodo non distruttivo a correnti parassite sensibile alla fase, lo strumento determina in modo rapido e preciso la conduttività elettrica dei metalli non ferrosi. La sonda FS40 è in grado di gestire un'ampia gamma di frequenze di misura (60-480 kHz), rendendola adatta a diversi spessori di materiale. Dal momento che la conduttività elettrica dipende in maniera significativa dalla temperatura, dispone di un sensore di temperatura integrato. Per consentire la calibrazione sugli standard di calibrazione piatti in dotazione durante la misura di parti arrotondate, le correzioni della curvatura a partire da Ø 6 mm garantiscono un livello di precisione costante ed elevato: il diametro della curvatura del campione viene semplicemente inserito nello strumento.

Per evitare differenze nel colore finale dei rivestimenti anodizzati decorativi, una delle fasi previste è il controllo della conduttività della materia prima dell'anodizzazione. La combinazione della sonda SIGMASCOPE® SMP350 e FS40 è ideale per misurare la conducibilità elettrica di metalli non ferrosi come le leghe di alluminio. Per ulteriori informazioni, contatta il tuo rappresentante locale FISCHER.

Jump to the top of the page